mercoledì 9 novembre 2011

Passi lenti

passi lenti


Continuerò a camminare


a passi lenti


e quando


sarò arrivata alla meta


ti aspetterò


Raggiungimi sulla luna,


nessuno ci vedrà lì


il suo bagliore riflesso


nasconderà i nostri corpi.


Nessuno ci vedrà lì.


Saremo nascosti


agli occhi di un mondo


che non potrebbe capire.


Nessuno ci vedrà lì


saliremo sulla coda di una cometa


e andremo lontano tenendoci forte.


Nessuno ci vedrà lì.


Torneremo al nostro mondo


voltandoci le spalle


andremo ognuno


per la sua strada


Nessuno mai saprà


Oggi ci siamo detti addio


ognuno ha preso la propria strada


Ho pianto tutte le mie lacrime


Ho lavato la mia pelle


per eliminare


la sensazione delle tue mani


Ho rimosso il tuo viso


dai miei ricordi


Quando il tuo ricordo


tornerà nella mia mente


aspetterò che passi


come si aspetta


che passi un uragano.


Ho camminato sulla spiaggia


lungo il bordo dell'onda


raccogliendo i pezzi alla deriva.


Ho perso i miei occhi oltre l'orizzonte.


Lunghe lacrime solcano il mio viso


e volando in cielo lo illuminano


come fossero stelle.


Nel cuore


resta la nostalgia della tua voce


delle tue mani, del tuo volto


che inconsciamente amavo


La vita


è una serie infinita di addii



Laura ©

1 commento:

Vittorio ha detto...

Ma che bella... Complimenti per la (in verità già da me sospettata) dolcezza. :-)