venerdì 25 aprile 2014

Cane

cane

Ora ditemi voi, che probabilità c'erano che il mio cane, stasera, salito in macchina con me per andare a prendere Giovi agli allenamenti, si chiudesse all'interno dell'autovettura, azionasse il pulsante della chiusura centralizzata, girasse la chiave ed accendesse il quadro? Andiamo su'...quante probabilità che un cane, potesse fare questo??? Nessuna!
A meno che il cane in questione non fosse il mio e, sopra ogni cosa, a meno che il cane in questione non fosse un Bulldog inglese!!!
Questa "ragazzata" del mio Whisky m'e' costata cara ...il vetro posteriore dell'auto aziendale andato in mille pezzi nel tentativo di spingerlo verso il basso, più un bel cazziatone lunedì quando tornerò al lavoro.

Buona festa della liberazione Whisky!!!

domenica 20 aprile 2014

Le donne arabe

donne arabeLe donne arabe sono silenziose. Mica chiassose come me.


Le ragazze libiche allo stand di fronte mi guardano spesso. Ogni volta in cui incrocio il loro sguardo mi sorridono.


Buh...magari é perché gli ho fatto fuori tutti i cioccolatini!!!
Hanno occhi grandi, belli e luminosi, sanno sorridere anche con gli occhi.


Sono eleganti, anche se apparentemente vestite tutte uguali, hanno un'eleganza innata, nelle movenze, negli sguardi... mi affascinano. Quando parlano tra loro sembrano quasi bisbigliare.


Non camminano mai da sole. Sono sempre minimo in due. Si tengono per mano. Anche se sono grandi.


Si scattano foto con i loro smartphones come ci scattavamo noi le foto con le polaroid, con quelle pose antiche, da quasi cartolina, però reali... mica i selfie moderni con tutte quelle bocche tirate in smorfie innaturali e inclinazioni da torcicollo.


Sembrano essere amiche, molto più di quanto non sembriamo esserlo noi.


Ma é nelle toillettes che va in scena la magia... entrano a piccoli gruppi, con movenze lente e delicate si tolgono il velo, si pettinano i capelli, poi si sistemano nuovamente il velo, sembra un rito... quasi una danza... io mi incanto a guardarle.

giovedì 17 aprile 2014

Madre e figlio - Dialogo

Dialogo





Dialogo tra madre e figlio




Sono in macchina con Giovi. Lo guardo. 


"Giovi sei un gran Figo!!! Tra un paio d'anni ci sarà la fila di ragazzine fuori dal cancello di casa che chiederanno di vederti."
Giovi mi sferra un pugno sul braccio.
"Basta mamma. Uffa. Ti piacerebbe se ti dicessi che fuori del cancello c'è una fila di uomini che chiedono di vederti?"
Mezzo nanosecondo di riflessione.
"Si Giovi! Anca massa!!!"

mercoledì 16 aprile 2014

Madre

CIMITERO LAURENTINO, "GIARDINO DEGLI ANGELI" PER BIMBI MAI NATI - FOTO 16Madre, quando deve andare a prendere il pane, passa al cimitero.
Madre, quando deve andare a fare la spesa, passa al cimitero.
Madre, quando deve andare a prendere il giornale, passa al cimitero.
Madre, quando deve andare dalla parrucchiera, passa al cimitero.
Madre, quando non ha nulla da fare, passa al cimitero. Anche più volte al giorno.
Madre, al cimitero, ha un figlio. Suo adorato.


Questa è la nuova vita di Madre. Questa è tutta la vita di Madre. Questa è solo la vita di Madre.
Non augurerei una vita simile nemmeno al peggiore dei nemici, ed invece, quella Madre è la mia.

Nuova sezione Blog

BlogSi inaugura oggi una nuova sezione del mio Blog.

Si chiamerà I Fiumi Carsici.

E' dedicata ad una mia amica, infatti i testi che leggerete in questa sezione non sono miei, ma suoi.

Vi invito a prenderne visione. Scrive con molta ironia e arguzia si esprime in modo meraviglioso, tant'è che le ho chiesto il permesso di pubblicare quanto scrive qui su I Colori del Buio.

Peraltro è una bravissima fotografa quindi i post saranno correlati dalle sue splendide fotografie.

Buona lettura e buona visione a tutti

A te cara amica un sentito grazie arricchisci  sicuramente le pagine di questo Blog.

lunedì 14 aprile 2014

Lista Civica Uniti per Cambiare Villasanta

Villasanta, domenica pomeriggio la via centrale.


Molte persone che camminano nella strada, altre sedute ai tavolini di un bar. Una manifestazione folkloristica di un gruppo sardo. Musica, sole e risate.


M'imbatto in un gazebo dove si fa propaganda per le elezioni amministrative che si terranno a maggio. Candidato sindaco il mio amico Angelo Bonfrisco ex arbitro di calcio di serie A, capolista la mia amica Daniela Greco, avvocato. Mi presentano Roberto Trangoni un altro componente la Lista.


Si presentano con una Lista Civica Uniti per Cambiare Villasanta.


Mi fermo e scambio quattro chiacchiere con loro scambio di opinioni su diversi temi, welfare, istruzione, ambiente.


Insomma politica applicata alle esigenze del territorio


Un grande in bocca al lupo per questi amici componenti della Lista Civica Uniti per Cambiare Villasanta.


20140413_165955

Angelo Bonfrisco candidato Sindaco


 

 

 

 

sabato 12 aprile 2014

Margaret Thatcher


Margaret Thatcher, la Baronessa di Kesteven nacque il 13 ottobre 1925 a Grantham nel Lincolnshire, in una famiglia di solidi principi religiosi e di fede protestante metodista; suo padre era droghiere e impegnato nell'attività politica e religiosa locale Si laureò in chimica presso il Somerville College dell'università di Oxford; fin dall'università si occupò di politica diventando presidente di un'associazione studentesca conservatrice. Dopo la laurea si impiegò come ricercatrice chimica presso la BX Plastics, un'industria di ingegneria per materiali plastici.Margaret Thatcher


Anche in questo periodo non venne meno il suo impegno politico. Per seguire i suoi impegni politici, si trasferì a Dartford nel Kent dove lavorò presso una famosa industria conserviera inglese. A Dartford partecipò alle elezioni del 1950 e 1951 senza riuscire a sconfiggere il candidato laburista ma conquistando comunque molti consensi che ridussero il grande vantaggio che il Partito Labour deteneva in città. Proprio nel partito conservatore del Kent conobbe Denis Thatcher che sposò nel 1951, convertendosi all'anglicanesimo.


Nel 1953 alla coppia nacquero due figli gemelli (Mark e Carol). Nello stesso anno completò ulteriori studi e divenne avvocato fiscalista di professione. Nel 1982 intervenne nelle ricerche per ritrovare suo figlio Mark, smarritosi nel Deserto del Sahara durante il rally Parigi-Dakar. Nel 2004 Mark, che viveva in Sudafrica, fu arrestato per il suo coinvolgimento in un tentativo di colpo di stato in Guinea Equatoriale e questo turbò non poco l'equilibrio familiare dell'ex first Lady britannica. È morta l'8 aprile del 2013 all'età di 87 anni a causa di un ictus nella sua suite presso l'Hotel Ritz nel centro di Londra.  (fonte wikipedia)

Due sue frasi emblematiche che condivido


« Cura i pensieri: diventeranno parole. Cura le tue parole: diventeranno le tue azioni. Cura le tue azioni: diventeranno abitudini. Cura le tue abitudini: diventeranno il tuo carattere e cura il tuo carattere perché diventerà il tuo destino. Diventiamo quello che pensiamo. »


« Essere potenti è come essere una donna. Se hai bisogno di dimostrarlo vuol dire che non lo sei. »


(Margaret Thatcher)