giovedì 16 luglio 2015

Notte

E scende la notte


su quelle lacrime trattenute.


Come una pietra nello stomaco,


un macigno sul diaframma


che soffoca il fiato.


Non respiri,


non mangi,


non dormi.


Attendi.


 

Nessun commento: